LA PROTESTA DI AGRICOLTORI E PASTORI IN PIAZZA A MONTECITORIO

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

Salvini ai pastori, “lavoriamo a una soluzione in 48 ore”

Si estende la protesta dalle campagne alla Capitale dove in Piazza Montecitorio, davanti al Parlamento, sono arrivati gli agricoltori colpiti dalle pesanti calamità con il dimezzamento del raccolto nazionale di olio di oliva ed i pastori messi in ginocchio dalle speculazioni sulle quotazioni del latte. Di fronte agli insopportabili ritardi ed ai rimpalli di responsabilità, spiega Coldiretti, nell’affrontare la drammatica emergenza dei danni provocati dal gelo e dalla Xylella che avanza inarrestabile distruggendo milioni di ulivi, migliaia di agricoltori della Coldiretti guidati dal Presidente Ettore Prandini sono stati costretti a lasciare le proprie aziende, ma ci sono anche i pastori sardi per far conoscere alle Istituzioni nazionali la tragedia del latte di pecora sottopagato con un grande striscione “Rispetto per la tragedia dei pastori sardi” davanti a bidoni di latte accatastati. I pastori regalano pecorino romano nella piazza colorata di giallo da gilet, palloncini, bandiere, striscioni e cartelli in cui si legge tra l’altro “Chiudiamo i porti al falso olio italiano”, “Senza agricoltura non si mangia”, “Burocrazia fa più danni delle calamità”.

Salvini, lavoriamo a soluzione entro 48 ore
“Lavoro per una soluzione entro 48 ore per restituire dignità e lavoro ai sardi”. Lo dice il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo l’incontro con una delegazione dei pastori sardi. Il ministro ha convocato un nuovo tavolo al Viminale per giovedì alle 15 al quale parteciperanno associazioni di categoria, governo e produttori.

Latte: Prandini, 60 centesimi a litro sono un insulto
“Sessanta centesimi al litro per il latte di pecora sardo sono un insulto, non è un prezzo minimo”. Nessuna tregua, quindi, la protesta continua. “Non ci fermiamo, abbiamo bisogno di fatti e risposte concrete non di parole”, ha detto il presidente della Coldiretti Ettore Prandini oggi alla manifestazione dei pastori e degli agricoltori della Coldiretti davanti a Montecitorio. Quindi la proposta del ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio di sospendere la protesta sino al 21 febbraio, quando verrà convocato un tavolo di filiera a Roma, non sarà presa in considerazione. “Non c’è una giusta remunerazione del prezzo latte pagato alla stalla. Noi chiediamo – ha continuato Prandini – un prezzo di riconoscimento non inferiore a 1 euro”.

Olio: Prandini, inutile continuare a convocare tavoli bisogna fare fatti
“L’olio è un patrimonio dell’agroalimentare italiano, la cui produzione quest’anno a causa delle gelate ha toccato il punto minimo. Abbiamo perso quasi il 65% per cento dell’intera produzione nazionale con punte nella regione Puglia del 75%. Di fronte a tutto questo chiediamo atti concreti alle istituzioni. E’ inutile continuare a convocare tavoli bisogna fare fatti”.

L’articolo LA PROTESTA DI AGRICOLTORI E PASTORI IN PIAZZA A MONTECITORIO sembra essere il primo su Calabria News 24 Canale 90 DTT.

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: