Metro di Catanzaro, stato di agitazione dei lavoratori

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

CATANZARO I lavoratori della Metropolitana di Catanzaro hanno proclamato lo stato d’agitazione in segno di protesta verso l’Ati Vianini, affidataria dei lavori, «per la mancata sottoscrizione del protocollo di concertazione preventiva previsto dal Contratto collettivo nazionale di settore, attività propedeutica all’avvio del cantiere». Lo annunciano le segreterie regionali e territoriali di Fillea Cgil e Feneal Uil. Nella nota, sottoscritta dai dirigenti Celebre e Scalese per la Fillea Cgil, e Marte e Vattini per la Feneal Uil, si segnala che «già da tempo le organizzazioni sindacali chiedono un incontro al fine di avviare un confronto produttivo e senza riserve visto l’impatto dell’opera su tutto il territorio catanzarese. Una grande azienda come la Vianini non può che essere una garanzia alla riuscita dell’opera ed è proprio per questo che non si comprende l’ostilità e la reticenza ad istituire un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali su tematiche importanti che riguardano l’andamento dei lavori, le modalità organizzative del cantiere e sulla forza lavoro complessivamente in essere al fine anche di favorire il massimo di ricaduta in termini occupazionali e di opportunità per le imprese locali».
Fillea Cgil e Feneal Uil infine comunicano che «a seguito delle inevase richieste d’incontro da parte della Rti Vianini Lavori spa è previsto per giovedì 21 febbraio un sit-in dei lavoratori presso la Prefettura di Catanzaro al fine di sollecitare la sottoscrizione del protocollo di concertazione preventiva, ottemperare a quanto previsto dal protocollo di legalità e dal Contratto collettivo nazionale di lavoro».

L’articolo Metro di Catanzaro, stato di agitazione dei lavoratori proviene da Corriere della Calabria.

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: