Quasi mezzo chilo di marijuana in casa. Arrestato un ragazzo a Petrosino

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

 Aveva quasi mezzo chilo di marijuana e tutta una strumentazione per far essiccare le piante più velocemente. E’ stato così arrestato dai Carabinieri di Perosino Antonino Quinci, classe 92, mazarese. Quinci aveva in casa anche un’agendina dove annotava la sua contabilità dell’attività di spaccio. I Carabinieri hanno anche arrestato Matteo Foggia, che deve espiare la pena di un anno e mezzo per lesioni e maltrattamenti in famiglia. Ecco i dettagli nella nota dei Carabinieri.

Continuano i controlli del territorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Marsala che hanno effettuato una serie di servizi mirati al contrasto della produzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti, nonché alla prevenzione – in particolare – dei reati contro la persona ed il patrimonio.
Nello specifico, nell’ambito di un controllo finalizzato all’individuazione di soggetti dediti al traffico di sostanze illecite, i militari della Stazione Carabinieri di Petrosino, diretti dal Luogotenente Andrea D’Incerto,hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, QUINCI Antonino, mazarese classe ’92. Lo stesso, a seguito di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso complessivamente di circa 460 gr. di marijuana, di cui una parte ancora in fase di essiccazione mediante l’utilizzo di due termoventilatori. Questi ultimi, infatti, sottoposti a sequestro unitamente allo stupefacente, venivano utilizzati dal QUINCI per accorciare i tempi di maturazione della marijuana. All’interno dell’abitazione, inoltre, i Carabinieri hanno trovato anche un’agendina personale sulla quale il QUINCI riportava nomi e cifre, verosimilmente utilizzata per contabilizzare gli introiti provenienti dall’attività di spaccio al dettaglio dello stupefacente. Una volta fermato, lo stesso è stato condotto presso la caserma “Silvio Mirarchi” dove, al termine delle formalità di rito, è stato dichiarato in stato di arresto. Il giudice lilybetano ha poi convalidato l’arresto in flagranza operato dai militari dell’Arma, stabilendo nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. Inoltre, sempre i Carabinieri di Petrosino, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione di espiazione di pena detentiva, emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, hanno tratto in arresto FOGGIA Matteo, mazarese classe ’80, dovendo lo stesso espiare la pena residua di un anno e sei mesi di reclusione per i reati di lesioni personali aggravate, maltrattamenti in famiglia e resistenza ad un pubblico ufficiale. Il FOGGIA trascorrerà tale periodo in regime di detenzione dom
iciliare presso una comunità di Petrosino.

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: