“Milano plastic free” con il supporto di Legambiente Lombardia e Confcommercio

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

Milano prova a dire no alla plastica monouso facendo leva sulla sensibilità di commercianti e cittadini, in collaborazione con Legambiente e Confcommercio. È già partito il progetto “Milano plastic free”, che al momento conta circa 200 adesioni tra bar, ristoranti e negozi di prossimità impegnati a sostituire la plastica monouso con altri materiali.

Il divieto di utilizzare la plastica usa e getta entrerà in vigore nell’Unione europea dal 2021. Passo dopo passo saranno vietati prodotti come piatti e posate, mescolatori per bevande, cannucce e cotton fioc (questi ultimi in Italia sono già vietati e dal primo gennaio 2019 vige l’obbligo di sostituirli con quelli biocompostabili). Ciononostante, si allunga l’elenco dei comuni italiani che già dal 2018 hanno adottato ordinanze che vietano la plastica monouso. Si tratta soprattutto di mete turistiche con località balneari rinomate e tra queste ci sono le isole Tremiti e Lampedusa.

Milano, che secondo i dati comunicati da Amsa produce ogni anno circa 35.000 tonnellate di plastica, prova a fare la sua parte. L’amministrazione comunale non vieta la plastica usa e getta, tuttavia propone ai commercianti di aderire al progetto “Milano plastic free.

Logo_MilanoPlasticFreeCome sostiene Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia, “Si parla tanto della plastica negli oceani e nei mari, ma anche in una città come Milano c’è l’esigenza di cambiare le nostre abitudini. Eliminare la plastica usa e getta è ormai un imperativo e la campagna “Milano plastic free” va proprio in questa direzione”. Il progetto è già partito a gennaio in due quartieri pilota, Isola e Niguarda, esattamente nelle vie Borsieri, Thaon de Revel, via Ornato e via Graziano Imperatore. Fondamentale è il ruolo dei volontari di Legambiente che coinvolgeranno i gestori delle attività con la strategia porta a porta. L’associazione analizzerà i consumi di plastica del negozio, proporrà alternative di prodotti e informazioni su come smaltire le plastiche biodegradabili. Non mancheranno le azioni di sensibilizzazione dei clienti che saranno fautori di buone pratiche, scegliendo di andare in un bar, in un negozio o in un ristorante gestito da chi è attento a non sprecare e a ridurre la produzione dei rifiuti.

sacchetto mare“Scegliere di somministrare cibi e bevande nei piatti e bicchieri riutilizzabili o compostabili può essere considerata anche un’operazione di marketing che attrae clienti attenti all’ambiente”. Lo sostiene l’assessore alle Attività produttive e Commercio, Cristina Tajani. Marco Granelli, assessore all’Ambiente e alla Mobilità, ha aggiunto che “Non si esclude per il futuro la possibilità di praticare uno sconto sulla TARI ai commercianti che aderiranno al progetto. Una sorta di riconoscimento per l’impegno nella riduzione dei rifiuti in plastica. Un po’ come già avviene per ristoranti e supermercati che donano le eccedenze alimentari.

Le adesioni, ad oggi circa 200, cominciano ad arrivare anche da esercizi commerciali che si trovano in altre zone della città. In via Toscana, per esempio, c’è Santeria Social Club che in aprile, in occasione del prossimo FuoriSalone, organizzerà un evento per dire addio alla plastica usa e getta, sia durante la normale attività di somministrazione che per i concerti. Si tratta, stando al piano di sostenibilità economica elaborato dai proprietari, di 200 mila bicchieri e 50 mila bottigliette di plastica all’anno, che saranno sostituiti dalla bioplastica o da altri materiali.

piatti compostabili

Piatti compostabili

Gli esercizi commerciali che aderiranno al progetto saranno riconoscibili perché potranno esporre la vetrofania creata ad hoc con il logo “Milano plastic free”: tante cannucce stilizzate che formano il Duomo di Milano.

 

 

 

L’articolo “Milano plastic free” con il supporto di Legambiente Lombardia e Confcommercio proviene da Cose di Casa.

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: