Venezuela. Il sit in davanti all’ambasciata inglese di Roma per chiedere la restituzione dell’oro di Caracas. Vasapollo: in atto una guerra non dichiarata

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

“In Venezuela non ci sono i raid aerei ma gli Stati Uniti e l’Ue gli hanno già dichiarato di fatto la guerra sequestrando i suoi beni e l’oro all’estero”.

L’economista Luciano Vasapollo, delegato del rettore dell’Università La Sapienza per i rapporti con l’America Latina, spiega così in un’intervista all’Antidiplomatico il sit-in organizzato sabato davanti all’ambasciata inglese di Roma, al termine del Foum per il Venezuela al Centro Congressi Cavour, dove erano rappresentate organizzazioni sociali e politiche e testate giornalistiche che si battono per il rispetto del diritto internazionale.

Secondo Vasapollo, impegnato come studioso, ma anche come militante della sinistra e dell’Usb, in difesa della sovranità del Venezuela, in questo paese “si sta combattendo lo scontro del futuro tra chi vuole continuare a dominare il mondo con i propri ricatti e attraverso il dollaro e chi vuole costruire un sistema multipolare, rispettoso della Carta delle Nazioni Unite e delle vie interne di politica economica di ogni paese. Per farlo paesi importanti come Russia, Cina, Iran, Turchia, India si sono resi conto che è necessario rompere la dittatura del dollaro”.

“E il Venezuela – sottolinea Vasapollo – per questo è un paese chiave perché non solo ha le maggiori risorse petrolifere del mondo, in grado da sole di approvvigionare tutto il mondo per 30 anni, ma che ha anche le risorse di oro più grandi al mondo. Sempre più i paesi che ho menzionato cercheranno di ancorare all’oro e non al dollaro il loro sistema monetario e cercheranno di eludere il dollaro con altre monete nei loro scambi bilaterali”.

“In Venezuela – conclude Vasapollo – si sta combattendo la vera sfida geopolitica del futuro e la rivoluzione bolivariana, questo troppo spesso viene dimenticato o volutamente omesso, ha alleati molto importanti pronti a difendere la sovranità del paese e combattere con Caracas per rompere le catene del dollaro”.

L’articolo Venezuela. Il sit in davanti all’ambasciata inglese di Roma per chiedere la restituzione dell’oro di Caracas. Vasapollo: in atto una guerra non dichiarata proviene da FarodiRoma.

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: