Nella polemica sugli assorbenti interviene l’assessore della Giunta comunale di Messina, Dafne Musolino

Così l’assessore Dafne Musolino, candidata con Forza Italia alle europee, commenta le recenti dichiarazioni del capogruppo alla Camera del M5S, che in queste ore stanno facendo molto discutere: “le parole di Francesco D’Uva sono decisamente di cattivo gusto e sono espressione della tipica finta cultura ambientalista di alcuni esponenti politici che si improvvisano ambientalisti senza fare alcuna azione concreta a favore della salvaguardia ambientale”.

Sottolinea Musolino: “mi preme precisare, che nessuno può permettersi di entrare in modo così volgare in questioni che riguardano la sfera personale ed intima delle donne, la loro libertà di scegliere quali presidi igienico sanitari utilizzare per gestire un fenomeno fisiologico che purtroppo, per molte donne, si accompagna spesso a sindromi anche dolorose e con ampi risvolti sulla loro vita sociale e di relazione”.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per info agevolazioni e finanziamenti

“Voglio anche rimarcare che proprio in questo campo le donne sono vittime di un sistema pubblico che non riconosce certe necessità come primarie, e difatti nega qualsiasi regime di agevolazione fiscale o di esenzione della tassazione, applicando la stessa aliquota IVA prevista per i beni di lusso, e questo vale per tutti i presidi igienici presenti sul mercato, per cui la soluzione proposta da D’Uva non comporterebbe neppure alcun beneficio in termini di risparmio della spesa per le donne”.

Conclude Musolino: “soprattutto devo rammentare a D’Uva, che è suo dovere, come parlamentare nazionale di origine messinese, affrontare le più gravi questioni ambientali che riguardano la Città di Messina e l’emergenza risanamento, sulla quale lui e il suo partito hanno messo in atto una vera e propria politica di negazione di qualsiasi sostegno economico, evidentemente ritenendo che vivere nelle baracche, con tetti di amianto, senza fogne e senza condizioni minime di igiene, sia salubre e in linea con la loro politica ambientale. Se davvero vuole fare l’ambientalista, D’Uva si adoperi per reperire le risorse per il risanamento del più grande insediamento di baracche all’interno di una città metropolitana, la sua città: Messina”.