Gaten Matarazzo da Stranger Things alle candid camera su Netflix

Gaten Matarazzo, interprete dell’amatissimo Dustin in Stranger Things, ha fatto carriera a Netflix. La compagnia lo ha voluto infatti come presentatore e produttore esecutivo di una nuova serie di candid camera intitolata Prank Encounters. La serie, in lavorazione ormai da mesi, debutterà nel corso di quest’anno.

IL FORMAT DI PRANK ENCOUNTERS

Ogni episodio della serie prenderà due completi sconosciuti alle prese con il primo giorno di lavoro di un impiego ovviamente fittizio. Dopo un inizio all’acqua di rose, i due incroceranno i loro percorsi e da lì cadranno in una spirale da incubo. La serie è definita “terrificante ed esilarante”, e già proviamo pietà per le inconsapevoli vittime, di cui inevitabilmente rideremo.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati per info agevolazioni e finanziamenti

Gaten Matarazzo sarà produttore esecutivo della serie insieme a Ben Silverman e Howard Owens di Propagate. Anthony Gonzales (Un capo in incognito) dirigerà gli sketch.

UNA VITA IMPEGNATA

Matarazzo è diventato famoso grazie al personaggio di Dustin in Stranger Things. Lo rivedremo presto nel ruolo, poiché la terza stagione della serie debutterà su Netflix il 4 luglio. L’attore, 16 anni, ha iniziato la sua carriera professionale a Broadway, nella versione musical di Priscilla – La regina del deserto. Nel tempo libero, oltre a suonare nella band Work in Progress con le sorelle Carmen e Sabrina, Matarazzo è anche testimonial di una campagna per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla displasia cleidocranica. La rara malattia genetica, di cui Gaten Matarazzo soffre, impedisce il normale sviluppo delle ossa e della dentatura. L’attore ha lanciato la fondazione CCD Smiles, che aiuta le famiglie con figli affetti da displasia a pagare i trattamenti dentistici.

Fonte: Deadline

Non perdere il nostro canale ScreenWeek TV su YouTube. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

L’articolo Gaten Matarazzo da Stranger Things alle candid camera su Netflix proviene da ScreenWEEK.it Blog.