La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Dichiarazione Redditi Persone Fisiche 2019: novità

Spazio pubblicitario riservato ad inserzionista "Italia Servizi"

Richiedi informazioni sui prodotti Italia Servizi

Elenco servizi: agevolazioni, finanziamenti, norme e tributi.

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Parlando di dichiarazione dei redditi, tra le novità di quest’anno, la più importante è forse il ritorno alle origini per quanto riguarda il termine di presentazione della dichiarazione. Con il nuovo modello, chiamato Dichiarazioni Redditi Persone Fisiche 2019, la scadenza è anticipata al 30 settembre.

Ma cos’è esattamente questo modello? Andiamo a scoprirlo insieme, vediamo chi è obbligato a presentarlo e chi invece è esonerato.

Dichiarazione Redditi Persone Fisiche 2019: cos’è

La dichiarazione Redditi Persone fisiche 2019 è il nuovo modello, pubblicato dall’Agenzia delle Entrate, che permette di presentare la dichiarazione dei redditi per le persone fisiche. A partire dall’anno scorso, infatti, il modello Unico prende il nome di modello Redditi, poiché la dichiarazione IVA annuale è stata resa autonoma.

Esso, inoltre, presenta qualche differenza sia a livello logistico, riguardo a come e quando deve essere presentato, che di contenuto.

Cos’è la data di scadenza per il 2019?

La differenza che salta immediatamente all’occhio è l’anticipazione del termine di presentazione della dichiarazione. La scadenza infatti non è più il 31 ottobre come l’anno scorso ma il 30, quindi attenzione!

Per chi invece la può presentare con modello cartaceo presso l’ufficio postale, il periodo di presentazione va dal 2 maggio 2019 al 1° luglio 2019.

Non tutti però la possono presentare in forma cartacea, ma solo coloro che:

  • non possono presentare il Modello 730,
  • pur potendo presentare il 730, devono dichiarare alcuni redditi o comunicare dati utilizzando relativi quadri del modello Redditi (RM, RT, RW),
  • devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.

Dichiarazione Redditi PF 2019: chi deve presentarla

Sono obbligati a utilizzare la Dichiarazione Redditi Persone Fisiche 2019 i contribuenti che:

  • l’anno scorso possedevano redditi d’impresa, redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita d’Iva, redditi non dichiarabili con il 730, plusvalenze da partecipazioni qualificate o cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, redditi provenienti da “trust”
  • nell’anno di presentazione della dichiarazione non risultano residenti in Italia
  • devono presentare anche una delle dichiarazioni: Iva, Irap, Modello 770
  • devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.

Dichiarazione redditi PF 2019: contribuenti esonerati

Non hanno invece l’obbligo di presentare il modello Redditi 2019 PF, coloro che hanno posseduto:

  • solo redditi di fabbricati derivati dal possesso dell’abitazione principale, di lavoro dipendente o di pensioni erogati da un unico datore di lavoro che effettua le ritenute d’acconto, redditi di lavoro dipendente corrisposti da più soggetti
  • un reddito complessivo, al netto dell’abitazione principale, non superiore a 8.000
  • solo redditi derivati da terreni e/o fabbricati per un ammontare complessivo non superiore a 500€
  • solo redditi esenti, come: rendite Inail per invalidità permanente o morte, alcune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni, indennità, compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche
  • solo redditi soggetti a imposta sostitutiva come gli interessi sui BOT o su altri titoli di Stato
  • redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, come i compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche fino a 28.158,28€, gli interessi sui conti correnti bancari o postali.

Source

Spazio pubblicitario riservato ad inserzionista "Italia Servizi"

Richiedi informazioni sui prodotti Italia Servizi

Elenco servizi: agevolazioni, finanziamenti, norme e tributi.

Operativi su tutto territorio Italiano